Creare una iso di mandriva 2009.1 one personalizzata

Lun, 04/05/2009 - 16:19

Creare una iso di mandriva 2009.1 one personalizzata

Inviato da emanueleeeee 11 commenti

Questa guida è una revisione di questa con le modifiche necessarie per il funzionamento con Mandriva 2009.1

1) Introduzione

Lo scopo di questa guida è la creazione di una iso di Mandriva One personalizzata, con pacchetti scelti da noi in sostituzione di quelli predefiniti. Ad esempio si può ottenere una Mandriva Live con già installati aMSN, aMule, Skype, Opera ecc. oppure con un desktop grafico alternativo come XFCE o Enlightenment.

Prima di partire con la procedura accertatevi di aver configurato correttamente i repository. Per configurare i repository in modo semplice usate http://easyurpmi.zarb.org/
2) Procedura
2.1) Apriamo un terminale

Innanzi tutto occorre aprire un terminale con Menu -> Strumenti -> Konsole

2.2) Diventiamo root
$ su
Password: LaPasswordDiRoot
#
2.3) Creiamo la directory di lavoro e spostiamoci all'interno
# mkdir mandrivalive
# cd mandrivalive
2.4) Scaricare la iso di Mandriva
2.5) Installare isomaster e squashfs3-tools

:

# urpmi isomaster squashfs3-tools
2.6) Apriamo ed utilizziamo isomaster

Menu -> Strumenti -> ISO Master

Portiamoci nella cartella di lavoro (/home/nomeutente/mandrivalive/)e fare doppio clic sull'immagine iso.
sul riquadro sottostante verrà visualizzato il contenuto della iso, spostarsi nella cartella loopbacks, selezionare distrib-lzma.sqfs e premere il pulsante "estrai dall'immagine iso" rappresentato del cd con freccia in su.
Aspettiamo qualche istante che isomaster termini l'estrazione dopodichè lasciamo aperto isomaster... ci servirà di nuovo successivamente

2.7) Estraiamo il contenuto di distrib-lzma.sqfs
# unsquashfs3 distrib-lzma.sqfs

Questa estrazione durerà leggermente di più di quella precedente...

2.8) Portarsi nella directory estratta
# cd squashfs-root
2.9) Montare la struttura della iso e fare il chroot
# mount -o bind /dev ./dev
# mount -o bind /proc ./proc
# mount -o bind /sys ./sys
# chroot /home/nomeutente/mandrivalive/squashfs-root /bin/bash
2.10) Configurare la connessione

A questo punto, si opera sulla live come se stesse "girando" sul proprio pc...ma utilizzando solo la shell. Usare "mcc" per configurare la connessione ad internet

#mcc
2.11) Aggiungere i repository

aggiungere i repository con urpmi.addmedia prendendo i codici da qui

2.12) Personalizzazione

Ora parte la personalizzazione della distro... utilizzare "urpmi" per aggiungere progammi e "urpme" per rimuoverli. Tenete presente che per ogni pacchetto che installate, dovete rimuoverne altri pari alla stessa quantità di megabyte o superiore per non creare una iso più grande del CD da 700 Mb.

Io ad esempio ho creato la live personalizzata con XFCE rimuovendo prima KDE con "urpme kde -a" e dopo aggingendo XFCE con "urpmi task-xfce"
Dopo la rimozione del desktop grafico precedente vi sarà chiesto di eseguire il comando "urpme --auto-orphans". E' preferibile eseguirlo solo a personalizzazione completata altrimenti verranno rimossi pacchetti necessari come splasy con le relative impostazioni
Per chi volesse anche aggiornare tutto c'è il comando "urpmi --auto-select", a me ha dato qualche problema nel caso di aggiornamenti con nuovo kernel

Per scegliere il DM usare il comando"drakedm"

2.13) Smontare tutto
# exit
# umount ./dev
# umount ./proc
# umount ./sys
2.14) Ricompressione

A questo punto si comprime di nuovo il tutto in un file *.sqfs

# mksquashfs3 * distrib-lzma.sqfs -lzma

Il processo di ricompressione durerà molto di più di quello di decompressione

2.15) Utilizziamo ancora isomaster

Torniamo ad isomaster, selezioniamo nella finestra in basso (quella che riguarda il contenuto della iso) il file distrib-lzma.sqfs e cancelliamo. Nella finestra superiore (che riguarda la navigazione dei file locali) spostiamoci in squashfs-root selezioniamo il file distrib-lzma.sqfs e clicchiamo sul bottone "Aggiungi all'immagine iso" , cd con la freccia in giù.

Se tutto è andato bene il file iso ha una dimensione prevista inferiore ai 702 MB, quindi fare così per ottenere la iso:

file -> salva con nome

Fine
ATTENZIONE! Non rispondo di eventuali danni

In:



Commenti

Ritratto di bat86
#1

Inviato da bat86 il Mar, 05/05/2009 - 15:25.

bella guida

Guida decisamente formattata meglio e aggiornata.
Se si riscontrano dei problemi durante l'unmount di /dev provare a chiudere la connessione ad internet prima.
Alla prossima Wink



Ritratto di emanueleeeee
#2

Inviato da emanueleeeee il Mar, 05/05/2009 - 15:42.

Re: bella guida

Il problema dell'unmount di .dev fallito l'ho notato anch'io... ma non mi ha dato problemi per il risultato finale...

Mandriva 2010.1 - Kde 4.4.3



Ritratto di freed
#3

Inviato da freed il Gio, 07/05/2009 - 14:09.

Re: bella guida

ciao,

mi pare ci sia una inesattezza: la cartella mandrivalive non va creata con permessi di amministratore, altrimenti isomaster non potrà scriverci dentro

ciao
max



Ritratto di Moreno
#4

Inviato da Moreno il Gio, 07/05/2009 - 14:50.

Re: bella guida

Ciao

Eh già, mi sa che hai proprio ragione

basterebbe mettere un # chmod 777 mandrivalive dopo # mkdir mandrivalive per risolvere il problema

Se Emanueleeeee acconsente provvedo a modificare la guida.

Ciao Ciao, Moreno

Addio, e grazie per tutto il pesce.
Avatar by moonlight-dream.



Ritratto di emanueleeeee
#5

Inviato da emanueleeeee il Gio, 07/05/2009 - 16:08.

Re: bella guida

Si acconsento Big Grin scusate... siccome inizialmente volevo lanciare isomaster da root.... poi ho cambiato idea e si è creato questo errorino... ho perso troppo tempo per l'impaginazione e mi so distratto su qualcosa di più importante Thinking

Mandriva 2010.1 - Kde 4.4.3



Ritratto di mykol
#6

Inviato da mykol il Dom, 10/05/2009 - 01:12.

Re: bella guida

scusate, non ho capito una cosa. Tutta questa procedura va fatta da mandriva one installata ? Oppure avviata come Live ? O da una qualsiasi distro ?

Grazie.



Ritratto di Moreno
#7

Inviato da Moreno il Dom, 10/05/2009 - 07:12.

Re: bella guida

Ciao

Direi nessuna delle due cose.

Devi partire da una qualsiasi versione di Mandriva installata con cui vai ad operare sulla ISO da modificare.

Ciao Ciao, Moreno

Addio, e grazie per tutto il pesce.
Avatar by moonlight-dream.



Ritratto di mykol
#8

Inviato da mykol il Lun, 11/05/2009 - 11:02.

Re: bella guida

grazie. Quanto spazio libero occorre avere sull'HD ?

C'è anche qualche procedura per modificare la free ?

Ancora grazie.



Ritratto di Moreno
#9

Inviato da Moreno il Lun, 11/05/2009 - 12:08.

Re: bella guida

Ciao

Beh dovrebbe bastare lo spazio per decomprimere il filesystem, direi quindi poco più di un GiB, facciamo 2 per sicurezza.

La procedura è valida esclusivamente per la Live One, mettere le mani nella Free DVD è un po' più complicato e sinceramente non ne vedo l'utilità a meno che tu non voglia customizzare pesantemente la distro ed installarla su molte macchine.

Ciao Ciao

Addio, e grazie per tutto il pesce.
Avatar by moonlight-dream.



Ritratto di bat86
#10

Inviato da bat86 il Lun, 11/05/2009 - 14:38.

Re: bella guida

ciao,
ti servono circa 5 gigabyte ta iso originale, iso moddata e i file decomrpessi.
la iso decompressa è qualcosa come 3 giga.