XLiveCD XServer per windows permette connessioni remote a Linux.

11 risposte [Ultimo messaggio]
Ritratto di Moreno
Moreno
(Guru)
Offline
Guru
Iscritto: 24/09/2004
Messaggi: 16862

Ciao

Oggi è un gran giorno per i Linuxiani come me incatenati a finestre.
Finalmente potremo avere una sessione X sotto finestre senza nulla dovere installare.
E' disponibile infatti la ISO di XLiveCD che parte automaticamente all'inserimento del CD e che apre sessioni X remote su altre macchine Linux.

Il sito dove scaricare la ISO è:
http://xlivecd.indiana.edu/
E' una iso di medie dimensioni 368Mb.

In questo momento stò finendo di scaricarla.
Appena provata vi farò sapere qualche cosa.

Ciao Ciao Moreno

Addio, e grazie per tutto il pesce.
Avatar by moonlight-dream.

Ritratto di Moreno
Moreno
(Guru)
Offline
Guru
Iscritto: 24/09/2004
Messaggi: 16862

Ciao a Tutti

E' stata un'esperienza qusi MISTICA !!!!!
Sono rimasto sconvolto. Ero convinto che potessero girare solo le vecchie applicazioni X ed invece MI SBAGLIAVO!!!!!

Vedere sullo stesso desktop finestre, Kde e Gnome fusi insieme in un'unicà entità mette i brividi.

E' un'esperienza meravigliosa poter lanciare nautilus da finestre e vederselo comparire li Pixel per Pixel come mamma lo ha fatto.
Ho provato a lanciare di tutto e tutto è filato a meraviglia.
Addirittura è partita una sessione completa di Gnome con tanto di cestino e barre varie.
Non sò cosa si possa volere di più dalla vita (In campo informatico ovviamente).
E' una cosa ASSOLUTAMENTE DA PROVARE !!!!

Ci gioco ancora un pò e poi faccio un manualetto.

Ciao Ciao Moreno

Addio, e grazie per tutto il pesce.
Avatar by moonlight-dream.

Ritratto di Moreno
Moreno
(Guru)
Offline
Guru
Iscritto: 24/09/2004
Messaggi: 16862

Piccola guida all'uso di XLiveCD.

Utilizzare XLiveCD è al limite della banalità comunque eco qui la procedura che uso:

Ovviamente la prima cosa da fare è masterizzare la ISO.

1)Inserire il CD nel lettore.
2) Dopo alcuni secondi si apre una finestra Dos ed una finestra grafica con le informazioni sulla licenza.
3) Click su Next
3) Appare la finestra di selezione tipo di connessione
4) Selezionare RUN X FROM CD NOW (3-buttoned mouse)
5) Click su Next.
6) A questo punto il CD comincia a grattare per una decina di secondi.
7) Si apre una finestrella di un terminale X con scritto dentro "Desktop>"

A questo punto il Sever X è partito ed è pronto a connettersi ad un'altra macchina remota.
La condizione base è che sulla macchina remota stia girando Linux e che sia stato installato SSHD (il server SSH).
Non è invece necessario che sia partita una sessione X visto che il server X sta girando su finestre.

8) Lanciare il comando ssh nomeutente@nomecomputerremoto
9) Se è la prima volta che vi connettete escono delle righe di testo con una richiesta (yes/no). Voi dite yes.
10) Esce la richiesta password utente.
11) A questo punto siete a posto non vi resta che lanciare i comandi che desiderate (nautilus etc.)

Cosa non funziona
Non tutto funziona sotto XLiveCD.
Si perdono i cursori ed il menu e forse anche i font, cioè tutte le cose strettamente legate al server X della Macchina Linux.

Come concludere la sessione

1) Per prima cosa si chiudono tutti i programmi Linux in esecuzione.
Se avete aperto il desktop Gnome occorre fare un bel Ctrl+C dalla finestra X per terminarlo (Magari c'è un'altro comando ma non l'ho ancora trovato).
2) Si lanciano un paio di exit fino a che non si chiude la finestra X
3) Si chiude la finestra DOS ed il gioco è fatto.

BELLO BELLO BELLO BELLO !!!!!!!!!!!!!!

Ciao Ciao Moreno

Addio, e grazie per tutto il pesce.
Avatar by moonlight-dream.

Ritratto di Moreno
Moreno
(Guru)
Offline
Guru
Iscritto: 24/09/2004
Messaggi: 16862

Ciao

Interessanti implicazioni emerse con XLiveCD

L'uso di XLiveCD mi ha dimostrato che l'importante è avere un ServerX i DeskTop Manager vengono dopo.

Se Io ho un ServerX posso, tramite SSH, comandare un numero qualsiasi di macchine Linux remote.

Siccome Linux Ha un ServerX da ciò si deduce che anche da Linux si possono comandare le macchine remote.

Detto e Fatto.
FUNZIONA ALLA GRANDE

La procedura è ancora più banale:

1) Aprire una shell
2) Lanciare comando ssh nomeutente@nomemacchinaremota
3) Inserire password ed il gioco è fatto

Potete sfruttare la potenza di n Computer da una postazione soltanto sia essa Linux o finestre (E' il massimo).

Ciao Ciao Moreno

Addio, e grazie per tutto il pesce.
Avatar by moonlight-dream.

Ritratto di Pinguino
Pinguino
(Guru)
Offline
Guru
Iscritto: 14/09/2004
Messaggi: 2918

Esatto.. Non conosce bene questo liveCD, però esiste anche l'opportunità (ne avevamo già parlato) di installare direttamente un server X su windows e con ssh. ridirezionando le applicazione rmote, utilizzarle in locale.. Risultato: uso il PC remoto e le sue applicazioni, con ottime prestazioni (in rete locale, almeno), visto che le operazioni "grafiche" sono a carico del PC locale, la part "hard" è invece a carico del PC remoto e in rete non passano pesantissime immagini ma solo chiamate ad X.. Immagino che invece il livecd ti permetta di utilizzare runtime l'X server faccia partire dirttamente in locale KDe e Gnome... Fantastico comunque!

Proud linux user # 372467 @ http://counter.li.org
Mandriva Cooker 2008 - Kernel 2.6.17-14mdv - KDE 3.5.7 - Gnome 2.16

Ritratto di inventore1
inventore1
(Collaboratore)
Offline
Collaboratore
Iscritto: 23/09/2004
Messaggi: 2093

ho guardato sul sito...

ma ci vuole così tanta ram per win xp sp2? ho solo 256 miseri mb.
funziona lo stesso anche con 256?

Notebook: Intel Core 2 Duo T7200, 2Gb ram, 160GB hd, Intel GMA 950 Big Grin
Server: Amd athlon Xp 2000+, 512Mb ram, 80*2 hd Wink
CERCATE PRIMA DI POSTARE

Ritratto di Moreno
Moreno
(Guru)
Offline
Guru
Iscritto: 24/09/2004
Messaggi: 16862

Ciao

In non mi avvicino neanche a finestre xp non so proprio cosa dirti prova e vedrai al massimo non va.

Ciao Ciao Moreno

Addio, e grazie per tutto il pesce.
Avatar by moonlight-dream.

Ritratto di Moreno
Moreno
(Guru)
Offline
Guru
Iscritto: 24/09/2004
Messaggi: 16862

Ciao

Quote:

Pinguino ha scritto:
Esatto.. Non conosce bene questo liveCD, però esiste anche l'opportunità (ne avevamo già parlato) di installare direttamente un server X su windows e con ssh. ridirezionando le applicazione rmote, utilizzarle in locale..

E' vero ma non avevo capito una cosa importantissima e cioè che non è necessario avviare una sessione X sul server e questo è MOLTO IMPORTANTE.

LIMITE NELL'UTILIZZO DI XLIVECD

Ebbene sì c'è un grave limite nell'utilizzo di XLiveCD che gli fà perdere parecchi punti.

Oggi mi sono trasferito in altra sede è mi sono collegato via SSH al mio server casalingo via ADSL.
Le applicazioni X Classiche girano velocemente perchè non sono richieste particolari librerie.

Tutti gli applicativi KDE e peggio ancora Gnome richiedono tempi biblici per avviarsi di molto superiori a VNC.
La spiegazione dovrebbe essere che è vero che è il serverX che disegna ma sono le librerie di KDE e Gnome che gli dicono come e cosa disegnare. Questo crea un traffico di rete mostruoso che non si sente su rete locale ma su ADSL fa morire.

Farò un pò di esperimenti anche con Linux per vedere cosa succede.
Proverò anche a vedere se è possibile abilitare anche una compressione dei dati in transito per cercare di aumentare le prestazioni.

Ciao Ciao Moreno

Addio, e grazie per tutto il pesce.
Avatar by moonlight-dream.

Ritratto di Moreno
Moreno
(Guru)
Offline
Guru
Iscritto: 24/09/2004
Messaggi: 16862

RiCiao

Ho provato ad abilitare la compressione è qualche cosina si guadagna (per lo meno parte anche gnome in tempi decenti)

Quindi la riga di comando consigliata è la seguente:

ssh nomeutente@nomecomputer -2 -C

dove -2 Usa solo SSH2 e -C abilita la compressione.

Ciao Ciao Moreno

Addio, e grazie per tutto il pesce.
Avatar by moonlight-dream.

Ritratto di inventore1
inventore1
(Collaboratore)
Offline
Collaboratore
Iscritto: 23/09/2004
Messaggi: 2093

Quote:

Moreno ha scritto:
ssh nomeutente@nomecomputer -2 -C

cosa intendi per ssh nomeutente@nomecomputer ?
io dovre scrivrere inventore1@localhost ?
ma se sono in internet non potrebbero esserci altri indirizzi uguali?

Notebook: Intel Core 2 Duo T7200, 2Gb ram, 160GB hd, Intel GMA 950 Big Grin
Server: Amd athlon Xp 2000+, 512Mb ram, 80*2 hd Wink
CERCATE PRIMA DI POSTARE

Ritratto di Moreno
Moreno
(Guru)
Offline
Guru
Iscritto: 24/09/2004
Messaggi: 16862

Ciao

Chiamare ssh con localhost non ha molto significato.

devi avere una macchina remota dal nome nomecomputer.
Su questa macchina devi creare un'account utente nomeutente.
N.B al posto del nome computer puoi anche utilizzare l'IP address della macchina se non hai la risoluzione dei nomi.

Es.

ssh moreno@morenoserver -2 -C

oppure

ssh moreno@192.168.1.1 -2 -C

Ciao Ciao Moreno

Addio, e grazie per tutto il pesce.
Avatar by moonlight-dream.